Siamo chiusi ora   |  +39 0331 217274
Come riordinare l'armadietto dei medicinali - Farmacia Nobili Cavaria
Come riordinare l’armadietto dei medicinali

Metti in ordine i tuoi farmaci!

Anche tu hai farmaci sparsi in casa dappertutto?
Oppure li hai ordinati in un armadietto ma da tempo non fai un po’ di pulizia?
Ti è mai capitato di avere bisogno di un farmaco che usi spesso e scoprire che la scatola è vuota?

E’ una buona idea controllare ogni tanto le medicine che hai, eliminarne alcune e acquistare quelle che stanno per finire.
Ti spieghiamo in questa guida come mettere ordine velocemente, cosa buttare e perché, quali sono le scadenze reali dei farmaci già aperti.

Forza, al lavoro!

Il nostro metodo

Sei passaggi per riordinare tutto e conservare solo ciò che può servirti davvero.

1. Riunisci tutti i farmaci che hai

Quasi sempre i farmaci non sono tutti nello stesso posto: alcuni li avrai sul tavolo della cucina perché li prendi tutti i giorni,
molti nell’armadietto in bagno, altri nel comodino, se sei una donna ne avrai anche sparsi nelle borse.

Raccoglili tutti e riuniscili sul tavolo.

2. Elimina subito…

Scarta quelli senza foglietti illustrativi o senza scatola, che quindi non puoi capire a cosa servono.
Non fidarti della tua memoria, può essere molto facile confondersi e usare il farmaco sbagliato che hai scambiato per un altro.

Nel tuo armadietto potresti avere integratori o prodotti naturali che, a differenza dei farmaci veri e propri, di solito non hanno il foglietto illustrativo: in questo caso non buttarli ma vieni e chiedici a cosa servono.

3. Controlla tutte le scadenze

Molto probabilmente scoprirai che ce ne sono di già scaduti: eliminali subito; se alcuni di questi li usi ogni tanto segnali su un foglio per ricordarti

Armadietto dei medicinali
Un esempio da non seguire

di riacquistarli.

Diverse ricerche dimostrano che molti farmaci si mantengono efficaci anche oltre la data di scadenza.
E’ abbastanza improbabile che un prodotto scaduto da poco tempo sia diventato pericoloso o inefficace.
Il problema però è: per quanto tempo dopo la scadenza rimane sicuro?
E ci sono dei farmaci più “resistenti” all’invecchiamento o che al contrario si deteriorano più in fretta?

Non ci risulta che nessuno abbia scritto delle regole certe sull’uso dei farmaci scaduti e quindi, usando il buonsenso, vi consigliamo di rispettare la data sulla scatola o comunque di non usare un farmaco scaduto da troppo tempo (e con troppo intendiamo più di qualche mese).

4. Verifica il dosaggio

Capita ogni tanto che il medico cambi il dosaggio di medicine che usi in maniera continuativa per migliorare la terapia; se hai dei bambini sicuramente troverai farmaci con dosaggi che usavi quando erano più piccoli ma che ora sono troppo leggeri.

Fai ordine ed elimina queste medicine che non ti servono più anche se non sono scadute.

5. Farmaci aperti: cosa ne faccio?

Certamente avrai farmaci già usati ma che non sono ancora scaduti.
Una volta aperti però per molti la data di scadenza sulla scatola, che si riferisce al prodotto lasciato chiuso e mai usato, non vale più.

Ecco come procedere.

  • Compresse e capsule: se sono chiuse a una a una nella confezione (blister) la data sulla scatola vale ancora.
    Se sono in un flacone che hai aperto anche solo una volta la scadenza è 4-6 mesi dall’apertura.
  • Colliri: quelli in flacone unico li devi buttare 30 giorni dopo l’apertura, ma alcuni colliri con antibiotico durano meno, circa 15 gorni.
    Quelli in monodosi chiuse a una a una hanno la scadenza uguale a quella scritta sulla scatola, ma ricorda che la monodose aperta dura solo 12 ore.
  • Creme e pomate: una volta aperte andrebbero buttate dopo sei mesi (tranne quelle per gli occhi, da elimiare assolutamente dopo un mese), ma in teoria usate anche più a lungo non sono pericolose, ma possono essere meno efficaci.
  • Sciroppi: il primo consiglio è di tenerli in frigo o comunque sempre al fresco.
    Anche così però una volta aperti vanno eliminati dopo tre mesi.Importante eccezione sono gli sciroppi a cui bisogna aggiungere acqua nel flacone per prepararli.
    Sono quasi sempre antibiorici per bambini, ma anche altri, ad esmpio antifungini.
    Una volta che hai aggiunto l’acqua la scadenza è brevissima: finita la terapia buttali via.
  • Bustine monodose da sciogliere in acqua: se usi metà dose quella rimasta nella bustina aperta si conserva per 5-6 giorni.
  • Fiale per iniezioni: una volta aperte se non le usi immediatamente devi buttarle.

6. Un ultimo sforzo

Avrai sicuramente farmaci avanzati non scaduti, nella loro confezione e col foglietto illustrativo ma che il medico ti handato per una breve cura.
Spesso sono antibiotici, ma anche altri tipi: in particolare ti mettiamo in guardia da antidolorifici molto forti che il medico prescrive in casi molto particolari (mal di schiena, fratture…) ma che non vanno poi più usati.

Bene, falli sparire, in particolare gli antibiotici che moltissimi Italiani prendono al primo mal di gola o influenza senza che ce ne sia bisogno.

E infine…le buone norme.

Ora che hai fatto pulizia riunisci tutti i farmaci in una sola scatola o in un cassetto.
La maggior parte delle persone li tiene in cucina o in bagno, ma il luogo migliore deve essere poco umido e non troppo caldo, ad esempio un corridoio senza finestre.

Poi ricordati sempre di segnare con la penna la data di apertura in modo da sapere poi quando eliminarli al komento giusto.

Non buttare mai il foglietto illustrativo e non toglierli dalla scatola; se li travasi in un altro contenitore (ad esempio per un viaggio) scrivici sopra cosa contiene.

Metti nello stesso posto anche le prescrizioni del medico, da cui potrai capire perché hai quel farmaco, a cosa serve e come usarlo: ti saranno utili per decidere se devi conservarlo o se è meglio farlo sparire.

Infine, ricorda che i farmaci scaduti o non utilizzati non vanno in pattumiera ma li devi buttare nel contenitore che trovi fuori dalle farmacie, ma prima togli scatola e foglietto illustrativo che butterai nella carta.

 

Scritto dal Dr. Gabriele Nobili il 12 agosto 2019

Fonti:

Federfarma

Questo articolo ti è piaciuto? Condividilo!

Leggi anche…

Farmacia Nobili Cavaria – a 5 minuti da Gallarate e 10 da Varese
Siamo una farmacia aperta al sabato in provincia di Varese