Siamo aperti ora   |  +39 0331 217274
Come si sceglie un misuratore di pressione e e le regole per usarlo bene
Ipertensione sotto controllo

Misurare la pressione a casa: una sana abitudine

La pressione alta (termine medico: ipertensione) è un pericolo sottovalutato perché non dà sintomi.
E’ importante controllarla ogni tanto, in farmacia o dal medico, per verificare che tutto sia a posto.
In molti casi però è indispensabile avere a casa un buon misuratore di pressione e usarlo bene.

Chi deve avere a casa un misuratore di pressione?

  • Persone che hanno già la pressione alta e prendono farmaci per curarla: il controllo a casa serve per verificare che la cura funzioni
  • Chi è diabetico o ha il colesterolo alto: questi problemi aumentano il rischio di malattie cardicircolatorie
  • Chi è in sovrappeso: l’obesità aumenta il rischio cardiaco e alza la pressione
  • Chi ha genitori con la pressione alta: la famigliarità aumenta il rischio di ipertensione

Ci sono molti altri casi in cui la pressione si può alzare: ansia, stress, dieta non equilibrata, sedentarietà.

Che vantaggi mi da’ la misurazione a casa?

Saprai che esiste il cosiddetto “effetto camice bianco”, cioè la pressione è in genere più alta se la misuri dal medico a causa della tensione nervosa e dal timore che la trovi alta.
Ecco un elenco dei benefici di controllarla col tuo misuratore di casa:

  • Non c’è l’effetto “camice bianco”
  • Puoi misurarla più spesso, anche più volte al giorno (ma non farla diventare una nevrosi)
  • Se non ti senti improvvisamente bene, puoi controllarti all’istante
  • Bassi costi: un misuratore dura anni e fa infinite misurazioni
  • Facilità d’uso e precisione (solo se validato)

I misuratori di pressione elettronici: mi posso fidare?

E’ una domanda importante: in commercio ci sono molti tipi e molte marche, ma non tutti sono affidabili.
Un buon apparecchio deve essere prodotto da una casa specializzate e deve essere validato, cioè aver superato una serie di test effettuati da organismi indipendenti che ne controllano la precisione; i risultati poi vengono pubblicati su siti internazionali come Dableducational (purtroppo solo in inglese).
Inoltre il bracciale deve essere della giusta dimensione in rapporto al braccio, che se molto magro o molto grosso ha bisogno di un bracciale speciale “su misura”.
Un bracciale di dimensioni errate dà misurazioni sbagliate: le marche migliori hanno bracciali di ricambio per persone molto magre o molto grosse.
Se poi hai aritmie solo pochissimi misuratori vanno bene, mentre tutti gli altri vengono ingannati dal battito irregolare e danno risultati errati.
E’ poi importante che ci sia una buona rete di assistenza che possa controllare ed eventualmente riparare l’apparecchio: noi abbiamo scelto Omron, che ha macchine con garanzia di 3 o 6 anni a seconda del modello.
Come vedi, ci sono molti punti che fanno la differenza tra un misuratore di pressione qualsiasi e uno davvero preciso e sicuro: cercare a tutti i costi il risparmio in questo caso può portare a buttare via soldi in un prodotto scadente.
A questo proposito ricorda che solo in farmacia facciamo uno scontrino fiscale detraibile dalle tasse, mentre negli altri negozi no.
Ecco un breve riepilogo delle domande che devi fare quando acquisti un misuratore:

  • E’ validato? E’ la più importante.
  • Il bracciale è adatto al mio braccio? Fatevi misurare la circonferenza del braccio per verificare che il bracciale sia della misura giusta
  • Che garanzia ha? Come funziona l’assistenza?
  • Se hai aritmie, chiedi se la macchina che vuoi acquistare è adatta.

Come usare davvero bene il misuratore

Prima di tutto ricorda il valore limite: 135 la massima, 85 la minima.
Per valore limite intendiamo che se sei spesso sopra sopra devi fissare un appuntamento dal medico.
Inoltre in realtà il valore cambia a seconda della situazione: se hai colesterolo alto e/o diabete dovresti stare molto sotto al limite per ridurre maggiormente i rischi di problemi cardiovascolari.
Ecco le norme per la misurazione perfetta:

  • Devi essere in un momento tranquillo: prenditi cinque minuti, siediti e dopo uno – due minuti comincia
  • E’ inutile misurarla in un momento di stress, rabbia o tensione
  • Fai di norma una-due misurazioni la settimana; momento migliore: al mattino prima di prendere l’eventuale farmaco per la pressione e prima di colazione
  • Importante: non barare! Scrivi su un quaderno i valori reali che l’apparecchio ha misurato. se dice “148/93” non scrivere 140/90 !
  • Se hai fissato una visita di controllo comincia la settimana prima a misurare la pressione due volte al giorno: una la mattina, l’altra la sera prima di cena e porta tutti i risultati al medico.

Se è piaciuto questo articolo condividilo !

Farmacia Nobili Cavaria – a 5 minuti da Gallarate e 10 da Varese
Siamo una farmacia aperta al sabato in provincia di Varese